Diversi stakeholder, diverse ricette

 In Modelli per la crescita, Turnaround come premessa per la crescita

Sono d’accordo con Marcello Stradini sul fatto che i diversi stakeholder i diversi contesti, richiedono ricette diverse. Lavorare per una famiglia è un tipo di stakeholder management che richiede le sue regole, che vanno un po’ definite; lavorare per un fondo di private equity è diverso rispetto a lavorare per un’azienda quotata; avere la famiglia dentro o no è diverso. Il tema di comunicare costantemente (regola 6) e, quindi, assicurare un allineamento permette di avere la licenza di operare e mantenerla. Diversamente, a un certo punto perdi credibilità e sei fuori. Settare le aspettative a livello giusto (non troppo alto) e a seconda di chi è il tuo interlocutore questo è più o meno facile. Però, semmai, l’intervento di Matteo conferma l’importanza della comunicazione, conferma il fatto che è uno stakeholder particolare richiede informazioni, date con logiche che forse non sono quelle che, invece, si utilizzano dentro al management. È un elemento chiave, quindi è sicuramente una regola che va scritta, questa di come si mantiene l’allineamento con gli stakeholder, che possono essere fondi, ma possono anche essere soggetti di natura molto diversa.

Start typing and press Enter to search